DSC_0405-001Negli ultimi giorni la fraternità di Nazaret ha avuto la gioia di accogliere due fratelli che mancavano dalla Terra Santa da qualche anno. Si tratta del nostro fratello priore Gian Carlo, accompagnato da fratel Leonardo. Sappiamo molto bene quanto sia importante che di tanto in tanto ci si ritrovi insieme, soprattutto per chi come noi vive parecchio distante dalle altre fraternità.

E così dal 12 al 23 aprile abbiamo avuto la loro piacevole compagnia. Per Gian Carlo si trattava di un ritorno dopo quattro lunghi anni, un’assenza dovuta principalmente alle sue condizioni di salute, mentre per Leonardo erano trascorsi due anni dalla sua ultima visita.

Appena arrivato a Nazaret Gian Carlo ci ha espresso i suoi desideri per la sua permanenza e ci ha fatto molto piacere notare che il primo desiderio era proprio quello di stare a lungo e gratuitamente insieme a noi. Questo, come spesso ci ripete, è uno degli aspetti principali della nostra vita e poterlo vivere con loro in questi giorni è stata una grazia speciale.

All'eremo..Nonostante le difficoltà motorie abbiamo potuto esaudire anche gli altri desideri dei fratelli e così abbiamo trascorso alcuni momenti importanti al Lago, presso il nostro eremo, come pure nella basilica dell’Annunciazione e al Tabor. In particolare sul monte della Trasfigurazione abbiamo ricordato e pregato per i nostri Jonathan e Giovanni Marco che il prossimo 6 agosto (giorno della festa liturgica della Trasfigurazione) riceveranno l’ordinazione diaconale.

Non sono mancati momenti di incontro con alcuni amici della fraternità che hanno espresso la loro felicità nel poter conoscere altri membri della nostra piccola ma, per loro, importante comunità. Alcuni erano noti e altri volti nuovi, singoli e nuclei familiari che si sono accostati a noi nel cammino di questi anni. Come sempre la nostra è una famiglia allargata che, attraverso relazioni di amicizia, coinvolge diverse persone e le invita a far parte integrante della sua quotidianità e della sua preghiera.

A cena con la famiglia di George

Ci sentiamo dunque di rendere grazie al Signore per i giorni passati assieme e gli chiediamo che questa esperienza possa ripetersi al più presto. Qui o in Italia.

fratel Marco jc

Response code is 400